Posted on Lascia un commento

Nell’ambito della fattura elettronica è possibile l’uso della fattura differita?

L’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica non ha modificato le disposizioni di cui all’articolo 21,
comma 4, del d.P.R. n. 633/72 e quindi è possibile l’emissione di una fattura elettronica “differita”.

Secondo la norma si può emettere una fattura entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione di cessione di beni o prestazioni di servizi. A titolo d’esempio, quindi, per operazioni di cessione di beni effettuate il 20 gennaio 2019, l’operatore IVA residente o stabilito potrà emettere una fattura elettronica “differita” il 10 febbraio 2019 avendo cura di:

  • emettere al momento della cessione (20 gennaio), un DDT o altro documento equipollente (con le
    caratteristiche stabilite dal d.P.R. n. 472/96) che accompagni la merce;
  • datare la fattura elettronica con la data del 10 febbraio 2019, indicandovi i riferimenti del documento o
    dei documenti di trasporto (numero e data);
  • far concorrere l’IVA alla liquidazione del mese di gennaio.

Ai sensi dell’art. 21, comma 4, lett. a), del D.P.R. 633/72, è possibile ricorrere alla c.d. fattura differita
anche per “le prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione”. Si chiede se i
documenti quali la c.d. “fattura proforma” (o “avviso di parcella”), riportanti la descrizione delle
prestazioni fornite, sono idonei a supportare il differimento dell’emissione della fattura al giorno 15 del
mese successivo a quello dell’incasso del corrispettivo.

Come previsto dall’articolo 21, comma 4, lett. a), del D.P.R. 633/72, è possibile emettere fatture differite per le
prestazioni di servizi: un documento come la c.d. “fattura proforma”, contenente la descrizione dell’operazione, la
data di effettuazione e gli identificativi delle parti contraenti, può certamente essere idoneo a supportare il
differimento dell’emissione della fattura elettronica.

Risulta tuttora vigente il DPR 100/1998 che permette di portare in detrazione l’IVA emergente dalle fatture
registrate riferibili al periodo precedente (mese o trimestre) entro il termine della liquidazione riferibile al
detto periodo. Stante i tempi fisiologici del Sistema di interscambio, quindi, una fattura di acquisto del mese
gennaio, pervenuta nei primi giorni di febbraio, può partecipare alla liquidazione del mese di gennaio?

L’articolo 14 del decreto legge n. 119 del 23 ottobre scorso –– ha introdotto una modifica all’articolo 1, comma 1,
del d.P.R. n. 100 del 1998, stabilendo che entro il giorno 16 di ciascun mese può essere esercitato il diritto alla
detrazione dell’imposta relativa ai documenti di acquisto ricevuti e annotati entro il 15 del mese successivo a
quello di effettuazione dell’operazione, fatta eccezione per i documenti di acquisto relativi ad operazioni effettuate
nell’anno precedente.
Pertanto, ad esempio, per una fattura elettronica di acquisto che riporta la data del 30 gennaio 2019 ed è ricevuta
attraverso il SdI il giorno 1 febbraio 2019, potrà essere esercitato il diritto alla detrazione dell’imposta con
riferimento al mese di gennaio.

fonte Agenzia delle Entrate

Posted on

[VIDEO] WordCamp Verona l’incontro con Giacomo

Il primo talk di Giacomo Cariulo su come la comunità WordPress italiana appare all’esterno e com’è veramente quando la si conosce di persona

Prova a conoscerci anche tu e vedere se Giacomo ha ragione!

.. e grazie per aver ricordato il plugin WooCommerce Fattureincloud

( Spolier: ci sono anche io al minuto 7:10 😀 ) 

Posted on Lascia un commento

Anche lo scontrino sarà elettronico dal 2019

Dal 2019 lo scontrino elettronico  

Addio vecchio scontrino, il “nuovo” sarà elettronico e si affiancherà alla e-fattura. L’arrivo della certificazione telematica sarà graduale: dal luglio 2019 riguarderà i soli contribuenti con un volume d’affari sopra i 400 mila euro l’anno, dal 2020 per tutti gli altri. L’obbligo di fattura elettronica per la maggior parte delle transazioni rimane dal primo gennaio 2019. È quanto prevede un articolo della bozza del decreto fiscale collegato con la manovra. 

continua qui

http://www.lastampa.it/

Posted on Lascia un commento

Email automatica in WooCommerce Fattureincloud Premium 1.6.0

Spedire Email in automatico con allegata la Fattura o la Ricevuta dell’acquisto appena completato?

Dalla versione 1.6.0 Premium del plugin WooCommerce Fattureincloud si può!

Siamo molto felici di aver realizzato questa nuova funzionalità da molti di voi richiesta, che si può attivare o disattivare dalla sezione “impostazioni”, semplificando così notevolmente il workflow / flusso di dati del tuo eCommerce liberandoti da azioni ripetitive e noiose

Se hai altre funzionalità da suggerire contattaci , siamo attenti e disponibili a soddisfare le tue esigenze

Ciao!

WooCommerce Fattureincloud Plugin Premium 1 year Updates